17 Novembre 2016

56^ ASSEMBLEA PUBBLICA GIOVANI IMPRENDITORI

L’imprenditore come ricercatore, innovatore ed esploratore. E’ stato questo il filo conduttore di “EsplorAzione, la curiosità si fa impresa” 56^ Assemblea del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Verona che si è tenuta il 17 novembre al Teatro Ristori di Verona.

Ha aperto i lavori la relazione del presidente Michele Lovato, che ha concluso con questa Assemblea pubblica il suo triennio alla guida del Gruppo.

Sul palco si sono poi alternati gli ospiti moderati dalla giornalista di Corriere Innovazione Barbara Gasperini i quali, in un collage di molteplici esperienze professionali e personali raccontate attraverso una carrellata di immagini suggestive, hanno declinato nuovi significati del concetto di esplorazione a partire dal mondo dell’impresa.

I filoni conduttori del racconto principali sono stati tre. L’analisi è partita dalla ricerca pura per eccellenza, dagli studi sulla fisica delle particelle del ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Piergiorgio Cerello, tra i fondatori del progetto ALICE (A Large Ion Collider Experiment) uno degli esperimenti attualmente in funzione presso l’acceleratore di particelle Large Hadron Collider del CERN. La ricerca di base ha come obiettivo primario l’avanzamento della conoscenza e la comprensione teorica delle relazioni tra le diverse variabili in gioco in un determinato processo. Qual è il suo scopo? Quali effetti è in grado di generare? Quali sono i limiti?

Il secondo filone ha visto come protagonista sul palco Luca Alessandrini Innovation Design Engineer che si è appena aggiudicato il riconoscimento di studente internazionale più innovativo di Londra promosso dal sindaco Sadiq Khan e da London & Partners per la creazione di due violini e degli speaker fatti di seta, seta di ragno e fibra di carbonio. La ricerca quindi come attitudine umana senza tempo. La storia insegna che l’essere umano è in continua ricerca nel corso della propria esistenza. La curiosità lo porta ad esplorare vie sempre diverse per dare delle risposte ad esigenze che insorgono in un contesto veloce e mutevole. L’attitudine umana alla ricerca può essere considerata il motore dell’evoluzione e del cambiamento?

Infine la ricerca applicata mira a trovare soluzioni ad una richiesta o esigenza specifica. Il suo obiettivo primario non è dunque l’avanzamento della conoscenza teorica, bensì lo sfruttamento della conoscenza teorica già acquisita a fini pratici. Quali soluzioni hanno trovato alcune realtà d’eccellenza su esigenze specifiche? Cosa significa per un’azienda fare un investimento sulla ricerca? Quali fattori entrano in campo? In un’intervista corale è stata poi la volta di Denis Faccioli, Amministratore Delegato Tecres Spa, Enrico Loccioni e Renzo Libenzi, rispettivamente Presidente e General Manager di Loccioni e David Zolesi, Managing Director Kayser Space Ltd. Il focus è stato la ricerca applicata a partire dalle proprie brillanti realtà imprenditoriali, fortemente innovative ed orientate all’avanzamento tecnologico con aree d’eccellenza differenti.

La riflessione conclusiva sul tema è stata affidata al Presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Marco Gay, sul palco assieme al Presidente Lovato.

A chiudere i lavori della giornata il neo eletto Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Verona per il triennio 2016- 2019 Davide Zorzi, il quale ha illustrato alla platea le principali linee del suo mandato.

EsplorAzione. La curiosità Si fa impresa è stato organizzato grazie al supporto dei main sponsor Banca popolare di Verona e Società Cattolica di Assicurazione, con il contributo di extremeprinting.it by Leaderform, Midac, Umana e il partner tecnico Airone.

Teatro Ristori, Verona